Lean Production

Lean Production

Lean Production

Il termine produzione snella (dall'inglese lean manufacturing o lean production) identifica una filosofia industriale ispirata al Toyota Production System, che mira a minimizzare gli sprechi fino ad annullarli. Il processo produttivo viene trattato in modo globale al fine di ridurre al massimo la complessità della produzione puntando sulla sua flessibilità coinvolgendo fin dall'inizio tutte le funzioni aziendali:

  • Progettazione: il prodotto viene studiato considerando i problemi inerenti la sua produzione (DFX) evitando la sua riprogettazione cioè gli sprechi dovuti al non essere riusciti a "fare bene fin dalla prima volta"
  • Produzione: just in time
  • Valorizzazione: "qualità totale" TQM di W. Edwards Deming

Oggi gli sprechi che si cerca di annullare sono i più vari, tra più importanti:

  • Sprechi di materie prime
  • Sprechi dovuti a tempi morti
  • Giacenze di magazzino inutilizzate
  • Sprechi dovuti al non aver interpretato correttamente i desideri del cliente

Il termine lean production è stato coniato dagli studiosi Womack e Jones nel loro libro "La macchina che ha cambiato il mondo", in cui i due studiosi hanno per primi analizzato in dettaglio e confrontato le performance del sistema di produzione dei principali produttori mondiali di automobili con la giapponese Toyota, rivelando le ragioni della netta superiorità di quest'ultima ripetto a tutti i concorrenti.

La lean production è dunque una generalizzazione e divulgazione in occidente del sistema di produzione Toyota (o Toyota Production System - TPS), che ha superato i limiti della produzione di massa (sviluppato da Henry Ford e Alfred Sloan) applicata allora (e ancora oggi) dalla quasi totalità delle aziende occidentali.

Jack Welch, l'ex CEO della General Electric amava citare spesso le caratteristiche della GE che l'hanno portata al successo conosciuto in tutto il mondo. Ma questo modo di fare, questa metodologia adottata in molte grandi aziende può essere utilizzata per spingere al miglioramento continuo o Lean Production anche le nostre vite? Sicuramente sì!
Ai fini della Lean Manufacturing un'analisi RACI è utile per: una visione chiara dei carichi di lavoro: quando viene utilizzata mirandola su una persona in particolare o su un dipartimento, eventuali picchi di carichi di lavoro vengono immediatamente evidenziati una riorganizzazione: in questo caso potremo assicurare che le funzioni e i processi chiave non vengano trascurati a causa di qualche dimenticanza gestire il turnover delle risorse…
I risultati migliori all'interno delle organizzazioni si ottengono quando si riesce ad adottare una gestione per processi. Proprio perché anche le azioni di miglioramento continuo o di Kaizen riescono meglio in questi ambiti, sistemi come quello della Qualità Totale o quello della Gestione per la Qualità hanno adottato e fatto proprio questo principio. Tutti i prodotti o i servizi che forniamo ai nostri clienti, se ci…
Il secondo principio che sta alla base della Lean Manufacturing o miglioramento continuo è la LEADERSHIP. Come abbiamo visto ieri il miglioramento costante della soddisfazione dei clienti deve essere un obiettivo prioritario dell'Alta Direzione che lo deve esprimere chiaramente all'interno della propria Politica della Qualità. Per fare in modo che le iniziative intraprese con l'obiettivo di far tendere l'organizzazione al miglioramento continuo abbiano successo è, però,…
Lo scopo del miglioramento continuo di un Sistema di Gestione per la Qualità è quello di aumentare la probabilità di accrescere la soddisfazione dei clienti e delle parti interessate. Utilizzando una metafora che riconduca al viaggio in auto, oltre ai requisiti del guidatore il miglioramento continuo dovrà soddisfare anche quelli dei passeggeri trasportati. Ad esempio, se il conducente non è un buon pilota, questi potrebbero: soffrire…
Il principio 6 della ISO 9004 enuncia il miglioramento continuo della prestazione complessiva dell'organizzazione come obiettivo permanente. Questo è un aspetto caratteristico dello stile di gestione ISO 9000 e, in particolare, gli elementi chiave che portano un beneficio in questa visione riguardano: - un vantaggio nell'efficacia ed efficienza della prestazione mediante l'aumento delle capacità organizzative; - l'allineamento delle attività di miglioramento a tutti i livelli con…
Perché è così fondamentale? Il VSM è IL PRIMO ed ESSENZIALE STRUMENTO LEAN perché: Visualizza IL FLUSSO, in cui si collocano le singole attività Oltre agli SPRECHI, aiuta a vederne la FONTE Mettendo insieme CONCETTI e TECNICHE, dà 1 STRUTTURA ai progetti Lean Mostra il link fra flusso di MATERIALE e flusso di INFORMAZIONI E’ uno strumento QUALITATIVO, che descrive in dettaglio cosa si fa (e…
L'evoluzione di un sistema centrato sulla conformità, quindi con una scala a due valori - "conforme" e "non conforme" ad un sistema - nel quale sono presenti indicatori misurabili a più valori consente un importante salto logico. La gradualità delle transazioni possibili implica, naturalmente, la possibilità di un miglioramento misurabile sulla base della variazione in positivo degli indicatori. Tale variazione diviene peraltro valutabile in tutte le…
Due sono i modi tramite cui le aziende migliorano i loro processi: per "innovazione" a "piccoli passi" Il primo è un modo di procedere a scatti, il secondo è graduale e costante nel tempo. Il primo è occidentale, il secondo è tipicamente giapponese. Entrambi, però, non si escludono a vicenda ma si compensano efficacemente. Il miglioramento per innovazione è di esclusiva prerogativa del Top management. Sono,…
"L'innovazione viene dal produttore, non dal cliente" - W Edwards Deming Qualche tempo fa, iSixSigma ha fatto una bella riflessione sui famosi Focus Group, strumento molto utilizzato in ambito Six Sigma. Parlando dell'analisi di Kano, durante i corsi rivolti alla formazione delle Six Sigma green belt, si accenna spesso alla difficoltà di scoprire cosa voglia davvero il cliente, da cosa viene seriamente deliziato, cosa consideri scontato…

Pagina 1 di 2